Lo shopping online miete una vittima ingombrante: i grandi centri commerciali americani.

L'ascesa dell'e-commerce sta condannando a morte i famosi malls statunitensi, trasformandoli da motori del commercio e agorà di dispersive periferie, in scheletri architettonici.

Simboli del repertorio iconografico Usa al pari dei fast food, cattedrali laiche dove recarsi con rituale sacralità per acquisti, ristoranti, ritocco unghie e via dicendo, facendosi avvolgere dall'opulenza kitch del consumismo made in Usa, dove tutto è grande, seriale e l'offerta debordante, i centri commerciali sono in lento, inesorabile declino.

Secondo una ricerca del Georgia Tech, un terzo dei circa 1.200 shopping center del nord America è morto o sta morendo.

Complice la crisi dei subprime del 2008, che ha spesso lasciato senza un tetto quella fascia di popolazione che nei malls amava trascorrere i fine settimana, i centri commerciali hanno iniziato a spopolarsi. Ma sarebbe stato il commercio online a sferrare il colpo di grazia. Sono oltre 20 grandi catene commerciali che hanno presentato istanza di bancarotta quest'anno. E chi non chiude battenti è alle prese con severe ristrutturazioni: dal colosso Macy's, che con il suo Babbo Natale è un simbolo dell'iconografia natalizia americana, che ha avviato un piano di chiusura di 100 negozi entro il 2018, il 15% del totale, a J.C. Penney, storico marchio fondato nel 1902 in una cittadina del Wyoming che abbasserà le saracinesche di 138 esercizi; all'ottocentesca Sears che ha appena annunciato lo stop di 63 negozi.

Un fenomeno quello del declino degli shopping center documentato anche in un'insolita serie pubblicata su You Tube finita sulle pagine del 'New York Time': 'The dead mall series', nostalgico documentario in giro per i centri commerciali depressi o dismessi dell'East cost.

Per alcuni analisti tuttavia i numeri dell'e-commerce possono giustificare solo in parte il collasso dei malls Usa. Con una crescita dell'11% delle vendite totali nel 2016 (con Amazon in testa) per un valore totale pari a 394,86 mld di dollari, +15,6% rispetto al 2015 (il livello più alto dal picco del +16,5% del 2013), lo shopping online non sarebbe la sola causa del declino che andrebbe bensì ricercato nei forti indebitamenti contratti dai gruppi, negli investimenti sbagliati o rischiosi fatti dopo il boom degli anni Novanta, e la crisi e l'evoluzione tecnologica ne avrebbero solo accelerato il tramonto.

Fonte ADNKRONOS

 

ecommerce

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.